Cina, socialismo, multipolarismo e imperialismo

Riprendo a scrivere sul mio blog, postando un contributo dal mio fb, che poi ha preso in un paio di commenti un’altra direzione. E’ importante comprendere come oggi vada ricostruita un’opposizioe antisistemica e tornare a ragionare su quale alternativa politica, quali alleanze sociali in questo processo di centralizzazione del capitale, riorganizzazione delle filiere, ridefinizione di una governance biopolitica, in cui gli stessi dettami della democrazia liberale vengono stravolti oltrepassando quel campo di diritti acquisiti in duecento anni di storia dell’Occidente capitalistico.

La questione del socialismo, cosa oggi è o non è, così come il posizionamento nei conflitti sociali, sono gli aspetti trattati in questo scambio di idee. Buona lettura.

Leggi tuttoCina, socialismo, multipolarismo e imperialismo

Vicolo… ceco

La manifestazione di Praga è simbolica, perché insieme a quelle britannica e francese, apre a un autunno caldo internazionale.
Essere pronti a questo non significa solo costruire un’organizzazione politica che vada oltre gli stereotipi di una sinistra ormai decotta, incapace di vedere il nuovo che avanza e i nuovi soggetti del conflitto, una sinistra di classe che legge la realtà con le lente dei pii desideri.
Essere pronti a questo significa capire ed essere nel “peronismo”, nel populismo che si va affermando come nuovi montoneros, come portatori di un nuovo anti-autoritarismo libertario, che comprende la disfatta dell’ideologia liberale massacrata dal liberismo selvaggio imposto sui ceti medi devastati.
I nemici anche da questa parte dell’oceano e di oggi sono sempre gli stessi, tra masse popolari e grande capitale e sue oligarchie. “capitalisti angli” diceva Lenin. E oggi ci martoria l’anglosfera e i suoi servi, i suoi Troudeau, i suoi Macron, i suoi Draghi, i suoi Scholtz.

Leggi tuttoVicolo… ceco

Arcobalenite

Riguardo la dichiarazione di intenti che nella cordata Manifesta-De Magistris riunisce tutto il gotha della sinistra cd di classe, non posso non fare alcune osservazioni. Chi mi conosce sa che io provengo dall’area che ha in Potere al Popolo! l’ultima significativa espressione politica di un percorso iniziato anni fa e poi confluito in PaP insieme alla compenente napoletana che aveva dato vita dal CS Je so’ pazzo, a questa organizzazione. Se ben mi ricordo, prima con ROSS@, poi con Eurostop, l’elemento strategico della politica antagonista messa in campo era la rottura con l’UE e l’uscita dalla NATO, nell’ipotesi di costruire un’area Euromediterranea, la cd ALBA Euromediterranea.

Leggi tuttoArcobalenite

Un altro ragazzo assassinato dall’alternanza scuola-lavoro

Dopo Lorenzo Parelli, investito da una trave metallica in un’azienda vicino a Udine, è toccato a Giuseppe Lenoci di Fermo, in un incidente stradale con il furgoncino della ditta per cui lavorava. Il ministro Bianchi invoca più sicurezza, ma sa bene che considerato che la stragrande maggioranza delle aziende si occupano poco di sicurezza sul lavoro, mandare dei ragazzi a lavorare in questo contesto di irresponsabilità padronale, dove mancano controlli, queste eventualità, dall’infortunio fino a casi più gravi sono eventi sempre possibili e probabili.

Leggi tuttoUn altro ragazzo assassinato dall’alternanza scuola-lavoro

Sovranità popolare

Sono diversi anni che una parte dei comunisti italiani, sulla base di un’analisi dell’Unione Europea quale polo imperialista che si è formato in questi decenni, ha avviato un dibattito sulla sua morfologia imperialista, ma anche ponendo in chiave marxiana la questione nazionale.
C’è chi è arrivato persino a parlare di una sorta di neocolonialismo tedesco verso i paesi dell’area sud europea come Italia, Spagna, Grecia… cosiddetti pigs, maiali.
Ross@ prima, Eurostop poi hanno sviluppato questo percorso di analisi, formulando come percorso concreto e di prassi l’uscita dall’UE e dall’Eurozona, non solo dalla NATO.

Leggi tuttoSovranità popolare

Convoy… o senza di voy!

L’ultimo episodio di un vasto movimento di massa mondiale contro le restrizioni pandemiche: la rivolta dei camionisti canadesi, mi ha indotto a proseguire le mie riflessioni a ruota libera, auspicando che possano essere utili nel confronto politico a sinistra. Oggi, anche in una situazione in cui il movimento italiano sta subendo una flessione dovuta in parte all’attacco fortemente aggressivo da parte del regime draghista (obbligo vaccinale per gli over 50, misure draconiane mediante il green pass e super green pass), preso allo stremo, vediamo entrare sulla scena conflittuale, segmenti politici e sindacali della sinistra di classe, vediamo una politicizzazione in senso marxista degli Studenti contro il green pass. Anche se in ritardo l’antagonismo anticapitalista fa la sua apparizione. Si tratta di recidere i cordone ombelicale di una sinistra gruppettara e autoreferenziale: per “convoy … o senza di voy” è più che altro un’affermazione pleonastica. Infime chiedo venia per il carattere di questo intervento che ha più la forma di un insieme di note sparse. Buona lettura.

Leggi tuttoConvoy… o senza di voy!

Appunti sullo Stato etico

Siamo entrati nell’era dello “stato etico”, uno stato che decide per te sul tuo corpo, sulle tue più intime scelte di vita, su cosa puoi e devi fare e cosa no. E lo fa mettendo in campo nella società un moralismo discriminatorio, da vera e propria crociata, utilizzando tutti i mezzi di comunicazione di massa di cui ha il controllo, ossia: tutti.

Leggi tuttoAppunti sullo Stato etico

Sulle misure del governo prese ieri pomeriggio

Con quest’ultimo dispositivo, il governo Draghi prosegue il suo attacco a quelle che erano normali libertà civili in tempi di democrazia borghese. In pratica un colpo di stato a tappe che ci sta portando a un fascismo bio-politico, a un totalitarismo dominato dalle regole neoliberiste e della tecnocrazia.

Leggi tuttoSulle misure del governo prese ieri pomeriggio

Piano contro mercato?

È una falsa opposizione di opposti e vado a spiegare il perché. È molto semplice: in un sistema capitalista, ossia dove vige la valorizzazione del capitale, la realizzazione del plusvalore e dei profitti, si è visto che si usa il mercato e il piano a seconda delle fasi, dei cicli del capitalismo, dei rapporti di forza tra componenti sociali, a seconda del contesto geopolitico.

Leggi tuttoPiano contro mercato?

La variante cinese

Non è uno spettro ad aggirarsi per l’Europa, ma un morbo che colpisce i comunisti. E’ la variante cinese, che porta vedere lotta di classe laddove non c’è. Finché il morbo era il filosoviettismo ancora si poteva capire: tutto sommato in URSS non esisteva una proprietà privata, e i popoli in lotta nel terzo mondo un qualche aiuto (se utile per chi lo dà) lo ricevevano. Una burocrazia di stato che teneva in piedi con demagogia e un po’ di ideologia diamat, un’idea di socialismo.

Leggi tuttoLa variante cinese