Covid 19: quello che si doveva fare in primavera ed estate e non si è fatto

Un governo che crede nella virulenza del covid e nel possibile ritorno con una seconda ondata non se ne sta con le mani in mano. Tutti abbiamo assistito al tira e molla sulle aperture delle scuole, banchi ad hoc in ritardo, marasma nella selezione del perosnale docente e scolastico: tutto per spendere il meno possibile. E così anche nella sanità.

Leggi tuttoCovid 19: quello che si doveva fare in primavera ed estate e non si è fatto

Buon 25 aprile… la Resistenza inizia adesso

Con l’avvento della pandemia nel mondo, nel nostro paese si sono viste tutte le porcate del passato, a partire dalla devastazione della sanità pubblica e tutte le logiche che vedono le persone nella spazzatura e i profitti al primo posto, vedere le scelte di tenere aperte gran parte delle produzioni. Per questo, tutta questa retorica dei balconi, dai quali si sventolano tricolori, si canta l’inno italiano e si chiama la polizia per delazioni casalinghe, come quel cartelletto “andra tutto bene” mi hanno suscitato tutta la repulsione per la grande ipocrisia di un paese tutt’altro che solidale, a partire da governanti inetti che alla fine ci faranno ingoiare col MES tutte le logiche degli usurai nord-europei.

Leggi tuttoBuon 25 aprile… la Resistenza inizia adesso

Il regime disciplinare che verrà

Anche ieri sera, in uno dei tanti bugiardoni tv si inneggiava ai moderni mezzi per controllare e sanzionare i “furbetti” della gita fuori porta. Si vedevano droni che volavano sulle città. E poi si parlava delle app che attraverso Google e altri gestori sarà possibile controllare in ogni istante la popolazione. Ecco cos’ha aperto il Covid-19: una società disciplinare da far impallidire nella tomba lo stesso Foucault.

Leggi tuttoIl regime disciplinare che verrà

Più che di resurrezione c’è bisogno di insurrezione

Parliamo invece del paese reale, a cosa stiamo andando incontro. L’evento Covid-19 ha messo a nudo le contraddizioni stridenti di questo sistema capitalistaneo liberale con miliardi di persone, decine di milioni solo nel nostro continente, la sua inefficacia, l’avulsità con la vita di tutti, a parte il ristretto circolo di rentier, manager e oligarchi.

Leggi tuttoPiù che di resurrezione c’è bisogno di insurrezione

La colomba di traverso

Che bella Pasqua da reclusi in casa! Carabinieri e forze dell’ordine in genere che vanno a caccia di famigliole che fanno il pic nic o di clandestini da seconde case. In compenso ieri il raccordo anulare a Roma sembrava essere nei suoi massimi momenti di punta. Una situazione che vista dall’esterno sembra surreale.

Leggi tuttoLa colomba di traverso

Un’emergenza sanitaria non è come un’asteroide che cade sul pianeta

C’è poco da questionare. Ormai è chiaro: l’evento Covid-19 non è come qualcosa di imponderabile e straordinario, al pari di un cataclisma inaspettato. A livello mondiale negli specifici paesi esistevano già dei protocolli di contrasto alle epidemie. Quello italiano era fermo dal 2010.

Leggi tuttoUn’emergenza sanitaria non è come un’asteroide che cade sul pianeta

Comunismo

In queste settimane di clausura forzata, neanche fossimo in galera, diviene opportuno, anzi indispensabile, avviare una riflessione sulla nostra società, sul grado di degenerazione del sistema in sè. Perché oggi (mi vien da dire finalmente) emerge in tutta la sua chiarezza l’impossibilità di far vivere la comunità umana come sin’ora ha fatto, con il mercato e il suo neoliberismo al centro del mondo, di ogni politica e di ogni logica privata e istituzionale.

Leggi tuttoComunismo

Il cigno nero

Ho atteso qualche giorno prima di riprendere i miei post su questo mio blog. Non perché non comprendevo cosa stia accadendo, ma per poter fare delle considerazioni in modo più sintetico ed esaustivo. Ricapitolando, anche a beneficio dei posteri, un virus si è diffuso nel mondo partendo dalla Cina: uno della famiglia dei Coronavirus denominato Covid-19. Tra i paesi di secondo contagio c’è anche il nostro, anzi, soprattutto il nostro, che in Europa sta dando il più altro tributo di vittime. Siamo già dopo un mese oltre i diecimila. Ma la gran parte dei contagiati non sono individuati, così come molti che si fanno la malattia in casa e lì spesso muoiono.

Leggi tuttoIl cigno nero

COVID INDUSTRIA

Ho messo come immagine questa cartina qui sopra per farvi capire come le zone di maggior contagio in Italia corrispondano alle aree maggiormente industrializzate, del manifatturiero. Il governo non fa che colpevolizzare i cittadini per la passeggiata col cagnetto o la corsetta per mantenersi in forma. Attacca in altre parole la popolazione limitando le libertà civili più elementari per sviare dalle vere responsabilità. Dico questo facendo una premessa doverosa: si deve restare a casa. Ma a cosa serve multare i clochard beccati per strada, che è “la loro casa”, invece di ospitarli in strutture per metterli in sicurezza? E’ solo un’opera e una logica da nazisti. Da nazi-liberisti appunto.

Leggi tuttoCOVID INDUSTRIA

L’ora più buia

Chi ha visto l’omonimo film di Joseph Wright con Gary Oldman nei panni di Churchill, avrà visto tutta la retorica liberal-democratica di cui gli eseget del mondo occidentale vanno tanto fieri. Tuttavia, se c’è qualcosa che oggi è entrato di prepotenza nela vita di tutti mettendo a nudo l’ipocrisia di un regime, quello del capitalismo neoliberale, ipocrisia come panacea e come modello economico-sociale sempiterno è il coronavirus che sta sconvolgendo l’intera comunità mondiale.

Leggi tuttoL’ora più buia