La campagna elettorale degli sceriffi del PD

Bologna. Una lista convoca una conferenza stampa in un luogo simbolico per la politica di speculazione edilizia perseguita dalla giunta Merola in tutti questi anni: lo stabile abbandonato delle ex-Poste di via Agucchi. Dopo poco arrivano te volanti e un’auto della Digos: uno spiegamento di forze sproporzionato neanche ci fossero scontri, azioni o chissà cos’altro. La lista è la nostra: Potere al Popolo! La polizia che attacca una lista e dei candidati regolarmente registrati per le elezioni comunali bolognesi è chiaramente al soldo dei poteri forti della città.

Leggi tuttoLa campagna elettorale degli sceriffi del PD

I fascisti antioperai, quelli attuali e funzionali al capitale

I fascisti, quelli veri, quelli di regime, il PD ce li ha in casa: basta vedere cos’ha fatto Biffoni il sindaco piddino a Prato contro gli operai della Texprint e contro i manifestanti.
A Prato si cerca di “risolvere” l’allarme sociale dei licenziamenti e lo sfruttamento schiavistico delle industrie del comprensorio con le sanzioni e le bastonate poliziesche contro i lavoratori. Persino “filtrare” impedire fino a notte fonda il passaggio a dei cittadini perché sodali con la lotta degli operai della Texprint.

Leggi tuttoI fascisti antioperai, quelli attuali e funzionali al capitale

L’omicida di Youns esprime tutta la violenza leghista contr0 i migranti

Voghera. L’assessore alla sicurezza Massimo Adriatici, esponente della lega e docente di diritto penale e procedura penale presso Scuola allievi agenti Polizia di Stato Alessandria, durante un alterco fuori da un bar ha sparato a Youns El Boussettaoui, 39anni, marocchino con la sua calibro 22, uccidendolo. Questo il fatto.

Leggi tuttoL’omicida di Youns esprime tutta la violenza leghista contr0 i migranti

Campioni di stafava

La nazionale italiana di calcio è sulla vetta d’Europa. Ma questo è un bene o una sfiga? Perché da giorni fino all’ossessione di ieri pomeriggio, le tv hanno bombardato il popolo italico di attesa e poi ditrionfo utilizzando gli Europei di calcio e la nazionale di Roberto Mancini come meri strumenti di propaganda. Una demagogia del tricolore (in realtà servo di paesi europei più forti come la Germania) che mi fa dire che l’antico adagio latino panem et circenses sia ancora di una certa attualità.

Leggi tuttoCampioni di stafava

Il lockdown ha fatto scuola

Chi ha sottovalutato le misure paranaziste di questo ultimo anno e mezzo, forse non capirà nulla neanche adesso.
Tra coprifuochi e divieti a uscire di casa, oggi con molta facilità si impedisce ai cittadini di andare in una parte della città, in una zona. Pensiamo solo in quante altre occasioni utilizzeranno questa limitazione delle libertà civili. Ormai ci hanno preso gusto.

Leggi tuttoIl lockdown ha fatto scuola

La menzogna del MES e la favola dell’Europa

Crescono in questi giorni le pressioni del PD, LeU e Italia Viva nei confronti dei pentastellati che hanno fatto argine, una sorta di linea del Piave riguardo il MES. Ovviamente i grillini (stavolta sostenuti dallo stesso Grillo) che passano per dissidenti, quando il non al MES era nel programma del movimento, non hanno la più pallida idea di quale sia la posta in gioco. Si oscilla tra un anti-europeismo del passato e una genrica paura di indebitare il paese, leggi: le future generazioni.

Leggi tuttoLa menzogna del MES e la favola dell’Europa

Patrimoniale

In questi giorni nel “belpaese” ha tenuto banco tra i politicanti la patrimoniale. Non stiamo parlando certo di una radicale redistribuzione della ricchezza sociale, ma di una sorta di contributo simbolico (attorno al 1-3%) per le rendite sopra i 500 mila euro. Apriti cielo. Così come accade per chi intende criticare i vicoli europei, la mancanza di dati dei vaccini Moderna Pfizer (vedi il fango su Crisanti), anche per la patrimoniale i soliti cerberi dello status quo borghese, da destra e sinistra, si sono scagliati lancia in resta per allontanare anche la sola idea di togliere una sola cucchiaiata dall’oceano di danaro che i ricchi hanno non certo per il sudore della fronte.

Leggi tuttoPatrimoniale

Caos PD

«Qualche giorno fa, alcuni circoli del Pd del milanese ricevono dal quartier generale del Nazareno la richiesta di prenotare gli spazi elettorali comunali per la campagna referendaria, disponibili fino al 17 agosto. “«Per il Sì o per il No?”, domandano. Che ingenui. “Intanto prenotate, vi faremo sapere”.»
(da La Repubblica)

Secondo voi il PD è un partito serio? Mentre Zingaretti apre al sì previa riforma elettorale prima del 20 settembre, Bonaccini, presidente della regione Emilia-Romagna fa un deciso outing per il sì. E Santori delle Sardine si pronuncia per il No. Insomma, c’è tanta chiarezza e coerenza dalle parti del centro-sinistra!
Queste prese di posizione contrastanti creano solo confusione e finiscono con l’indebolire una compagine che si è tenuta in piedi con l’inciucio con i 5Stelle e con operazioni di alchimia sociale nate dallo staff di Prodi come le Sardine.

Leggi tuttoCaos PD

2 agosto 2020. Una giornata di lotta

Mentre le massime autorità e le forze istituzionali celebravano un una Piazza Maggiore ingessata la solita liturgia autocelebrativa, la sinistra di classe, di lotta, quella che in tutti questi anni ha tenuto alta la bandiera dei diritti e dei bisogni popolari, si riappropriava di piazza Medaglie d’Oro e nel pomeriggio occupava la piazza in cui doveva tenersi la manifestazione fascista revisionista, quella della “pista palestinese”, impedendone lo svolgersi.

Leggi tutto2 agosto 2020. Una giornata di lotta

La marcia degli zombie

In questa valle di lacrime, in cui cane mangia cane e si è persa ogni cognizione di solidarietà umana, abbiamo i potenti, i persecutori, che sono dei veri e propri predatori e distruttori di ipotesi di vita. I persecutori a loro volta sono spesso perseguiti e prima o poi lo diventano per la ferrea legge del contrappasso: prima o poi tutti dobbiamo morire, ci ammaliano, ce lo mettono nel culo.

Leggi tuttoLa marcia degli zombie